Sei in:
 

IMITIAMO HANNOVER: GLI ELETTRODOMESTICI USATI LI' VIVONO MOLTE VOLTE

Lunedì, 11 Luglio, 2011

Imitiamo Hannover:gli elettrodomestici usati l?vivono molte volteAntonio CaldoI napoletani dovrebbero andare in gita ad Hannover per scoprire come fanno i cittadini tedeschi a riciclare oltre il 70 per cento degli apparecchi eiett?-onici domestici (paed) usati, Nieme discariche abusive, niente smaltimento nelle strade o lungo i marciapiedi, niente inquinamento da rifiuti hi-tech. Ei] ritorno a una seconda vita di televisori, computer, stampanti, fax, telefoni e cellulari. Un recente studio dell'istituto Eurisko per il consorzio Remedia conferma che il tasso d? raccolta di elettrodomestici usati in Italia ? molto basso (appena il 1G,8 per cento], oltre dieci punti sotto la media europea. Ma questo record negativo ? dovuto alla doppia Italia: nelle citt? del Nord, intatti, le percentuali di smaltim.en-to in alcuni casi sono vicine a quelle di Hannover, anche grazie alla moltiplicazione delle isole ecologiche, nel Sud invece crollano a valori prossimi allo zero.E' una grande occasione sprecataper alleggerire la catena della spazzatura, creare ricchezza da un rifiuto (il 92 per cento del materiale di un elettrodomestico ? riciclabile), non danneggiare l'ambiente (con il riutilizzo di paed nel 2010 abbiamo evitato 54mila ton -nellate di C02). Inoltre gli italiani sono dei grandi consumatori di questi apparecchi, visto che la met? della popolazione adulta acquista mediamente 2 paed in un anno (in prevalenza cellulari e oggetti per la casa) e negli ultimi mesi il 37 per cento della popolazione si ? disfatto di un elettrodomestico. Dove nascono allora i nostri comportamenti cos? poco equilibrati e responsabili? Innanzitutto dall'ignoranza, oltrech? da distrazione, pigri-zia e scarso senso civico. Neanche la met? de -gli italiani, per esempio, ? a conoscenza dell'obbligo gratuito, da parte del negoziante, del ritiro del vecchio elettrodomestico che si intende sostituire; mentre pochi conoscono i punti di raccolta destinati allo smaltimento dei rifiuti elettrici e soltanto un italiano su due ? consapevole de] fatto che radio, pc e frullatori non possono finire nelle discariche. Risultato: prendiamo un cellulare fuori uso e lo conserviamo in casa, oppure to infiliamo nel cestino dell'immondizia, insieme agli avanzi della tavola.Per dare un'idea delle opportunit? che si nasconde dietro al riciclo di un paed, possiamo esaminare il caso dei televisori. Il passaggio al digitale terrestre nel 2010 si ? tradotto nella rottamazione di SOmila tonnellate di vecchi televisori. Ciascuno di questi apparecchi con il tubo catodico ? una miniera di vetro (circa la met? del peso del televisore) che, secondo le sue caratteristiche, viene riciclato per produrre oggetti di design, materiale daarredo, e perfino piastrelle. La seconda vita di un piccole elettrodomestico pu? essere perfino pi? lunga della prima, e innanzitutto serve a conservare le citt? pi? pulite e meno inquinate.BRtPflODDZIONE RISFFWATfl

Testata: 
il mattino
Argomento: 
cronaca